Finto Teak? Se state leggendo questo articolo è probabile siate già in attesa di ricevere un nostro pre-assemblato o un pannello rettangolare a misura fatto in Finto Teak Permateek. In qualunque caso state organizzando la vostra installazione a bordo.

Per tanto nelle prossime righe cercheremo di darvi le informazioni necessarie per realizzare un lavoro in piena autonomia, contando sempre e comunque del nostro supporto telefonico se richiesto.

PREPARAZIONE FINTO TEAK:

Ora che la coperta è pronta sarà necessario provare il posizionamento dei pannelli, partendo da prua verso poppa, per verificarne le eventuali giunzioni, geometrie e perimetri.

Se serve, sempre con molta calma, adattate i pannelli lavorando i bordi con carta vetrata a grana 40, insomma tutto deve ” calzare ” alla perfezione.

Prima di procedere all’incollaggio è obbligatorio pulire e sgrassare la coperta con acetone, e la parte posteriore dei pannelli con alcool denaturato, servendoci di panni di cotone.

INCOLLAGGIO FINTO TEAK:

Mascherare la coperta con il nastro carta in corrispondenza dei bordi dei pannelli, vi servirà da guida nel posizionamento avendo sempre sott’occhio la parte che andrete ad incollare.

Stendete il collante aiutandovi con una spatola dentata cercando di non esagerare con la colla e tiratela in modo più uniforme possibile.

I bordi del nastro vi serviranno da guida, con il collante fermatevi qualche millimetro prima del nastro, in modo che quando andrete a pressare non fuoriesca troppo materiale.

Stendete la colla un po per volta , 70 / 80 centimetri ed adagiate il pannello anch’esso poco per volta, così facendo vi risulterà più semplice l’incollaggio.

Adagiando il pannello sul collante cercate di far fuoriuscire l’aria ed eventuali bolle aiutandovi con il rullo pressore o dei pesi ben posizionati, dopo una buona pressatura.

Eventuali macchie di collante sul Teak sintetico possono formarsi ma non dovete preoccuparvi, lasciate asciugare, ed il giorno successivo togliete il tutto aiutandovi con la con carta vetrata.

SILICONATURE PERIMETRALI:

Nelle situazioni in cui si rendano necessarie tali siliconature procedere mascherando il finto teak, sia sulla sua propria superfice sia proteggendo le parti della vetroresina che potrebbero essere sporcate durante la fase di gommatura.

Fate un cordolo omogeneo e ” tiratelo ” con apposite spatoline ad angoli arrotondati evitando di usare le dita per rifinire.

Togliere il nastro di mascheratura, lasciare asciugare, e successivamente, se necessario, fare qualche altra rifinitura o ritocco.

Il Finto Teak non vi darà alcun problema anche se lasciate asciugare per bene il polimero. una volta fatto, lo rimuoverete con estrema facilità

Seguendo questi pochi consigli e contando sulla vostra buona manualità, otterrete sicuramente i risultati sperati.

BUON LAVORO.