Vorrei spendere due parole rispetto ad un’ osservazione che ultimamente mi viene fatta frequentemente.

Non voglio mettere a confronto vari marchi perchè giustamente le mie argomentazioni potrebbero essere valutate di parte.

Mi limiterò solamente a esporre caratteristiche tecniche , palesemente ovvie, in modo tale che ogni uno di voi possa valutare i materiali, indipendentemente da campagne di marketing imbellettate a tutto punto.

MESCOLA 2 G

Diversi anni fa si è trovata una soluzione tecnica per diminuire la temperatura superficiale del teak sintetico, spina nel fianco e caratteristica che aveva caratterizzato fino a quel momento il su detto materiale. Questa tecnologia è stata chiamata 2 G.

Semplificando, si sono introdotti nella mescola di PVC alcuni inerti che togliendo massa alla mescola stessa, fornivano superficie refrattaria all’ energia responsabile della trasmissione di calore.

Così facendo sono stati risolti due punti importanti; la diminuizione della temperatura e l’alleggerimento dei profili. Infatti con l’inserimento di questi inerti ( anche polvere di legno ) togliendo massa al PVC favoriscono una diminuzione di peso.

Si può intuire comunque che un’ esasperata ricerca della leggerezza vada a discapito della solidità del prodotto…..come sempre è questione del giusto compromesso, per avere sempre a disposizione un prodotto strutturato, e non troppo leggero.

ESTETICA

I produttori si sono molto evoluti riuscendo a garantire prodotti gradevoli alla vista ed al tatto, rendendo il teak sintetico veramente simile al teak naturale.

Ma anche qui è questione di misura….si vedono grossi marchi che propongono prodotti decisamente ” fiammati ” che assomigliano più a tavole di pino che al teak.

Molto tempo fa, quando trattavo il teak naturale , l’omogeneità e l’assenza di bluettature e fiammature erano discriminanti per la scelta del materiale.

PERMATEEK si è perfettamente allineata alla produzione riuscendo ad adeguarsi a tutti i miglioramenti, anzi, si è resa promotrice di un materiale veramente al top delle soluzioni tecnico/estetiche.

E per favore non credete a chi vi dice che il sintetico scalda meno del teak naturale! Scaldano esattamente nella stessa misura !

Concludendo possiamo tranquillamente affermare che la qualità dei materiali si sia abbastanza livellata. A questo punto la differenza la farà il trasformatore…..ma questo è un altro argomento….